Mente: come lo sport ci può far sentir meglio

Federica/ settembre 21, 2016/ Benessere/ 0 comments

I benefici psicologici dello sport sulla mente e sul benessere generale

Mens sana in corpore sano: è la formula sempre attuale per riassumere l’importanza del benessere globale della persona e della stretta connessione tra corpo e mente.

Il corpo sano è il corpo dell’equilibrio, il corpo di cui ci prendiamo cura.

La pratica sportiva è importantissima in questo gioco corpo-mente: è un intervento diretto al fisico che può modificarlo, migliorarlo, controllarlo. Su un piano parallelo, lo sport coinvolge completamente anche la vostra psiche.

Ecco i sei benefici principali che lo sport ha sulla mente.

1) Insegna la disciplina e la concentrazione: mentre rispettiamo l’impegno dell’allenamento, chiedendo al nostro corpo di compiere un determinato sforzo, anche la mente gioca la sua parte, focalizzandosi su quella precisa attività. E, una volta acquisite queste competenze, le possiamo applicare in qualsiasi altro ambito della nostra vita.

2) Aiuta a gestire la tensione; pensiamo ad un contesto di gara, per un esempio concreto, in cui livelli di ansia troppo elevati comprometterebbero il risultato. Ottimo training per imparare l’arte del controllo!

3) Lo sport insegna persino l’umiltà: abbiamo tutti dei limiti, ed è importante misurarci anche fisicamente con noi stessi per scoprirli ed accettarli. Oppure, se siamo ambiziosi, eccoci servita l’occasione per provare a superarli.

4) Se pensiamo ai più giovani, è occasione di crescita e di sviluppo di maggiore autonomia: la squadra diventa il gruppo protetto all’interno del quale si vivono le prime esperienze fuori dalla famiglia e dalla scuola, favorendo la creazione di una propria rete sociale. Ovviamente, la possibilità di socializzazione è un aspetto che persiste nel tempo.

5) Offre un grande aiuto nella costruzione della propria immagine corporea: questo concetto riguarda la percezione o dispercezione del proprio corpo, vale a dire un’interpretazione soggettiva che fonde le caratteristiche fisiche e i vissuti positivi o negativi relativi ad esse. La possibilità di interagire con un corpo che biologicamente cambia, modellandolo e curandolo nell’aspetto, favorisce sicuramente una buona integrazione delle proprie caratteristiche nella mente.

6) Pensando agli adulti, il discorso non si discosta eccessivamente: vero che i cambiamenti non sono veloci come in adolescenza, e probabilmente siamo ormai abituati al nostro aspetto, che resta più costante nel tempo. Vero ugualmente che curare la nostra immagine anche attraverso lo sport fa bene all’autostima, in un meccanismo che si autoalimenta: prendendoci cura di noi, sicuramente raggiungeremo risultati che ci faranno amare di più noi stessi.

Articolo di Giulia Bignoli, psicologa e blogger.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someone

About Federica

Ciao Sono Federica, ho 28 anni, e vivo in Italia. Le mie grandi passioni sono il vino, i viaggi e lo sport. La mia filosofia di vita è che tutti possiamo fare quello che vogliamo, se ci crediamo davvero e ci impegniamo, e abbiamo una sola vita per farlo al meglio.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*